Sei qui: Home -> Arte e cultura
PDF  Stampa  E-mail 
Ultimo aggiornamento: Venerdì 27 Luglio 2012

Arte e cultura

La Chiesa di San Lorenzo Martire

San  Lorenzo MartireNon esistono documenti che ci facciano risalire con certezza all'anno di costruzione, probabilmente risale al XV secolo. Con il passaggio dal rito greco a quello latino operato con la  venuta a Sogliano dei Padri Agostiniani prese il nome di "Chiesa di S. Lorenzo Martire". All'inizio della metà del XIX secolo col crescere della popolazione fu indispensabile pensare ad un suo ampliamento, fu una fusione indovinata tra vecchio e nuovo. La vecchia piccola chiesa  rimase al centro e intorno si aggiunsero le navate laterali, il transetto con le cupole, l'abside semicircolare e la facciata. Si invertì però la direzione. La facciata si aprì sulla nuova piazza, quasi a guardare la Sogliano che si estendeva verso Galatina. Quella antica, invece, fu completamente occupata dal transetto, dalla cupola e dall'abside. La facciata è neoclassica, l'interno è a croce latina a tre navate divise tra loro da pilastri che sorreggono gli archi a tutto sesto. Al centro della cupola si vede in una nuvola un angelo che ha in mano una graticola e nell'altra la corona, mentre un altro regge una palma. Sono i simboli di S. Lorenzo, patrono di Sogliano, al quale è dedicata la chiesa. All'interno tra le opere più emergenti si ricorda l'Altare Maggiore, l'Altare della Madonna del Rosario, l'Altare della Madonna Addolorata, l'Altare di S. Michele, l'Altare di S. Giuseppe e l'Altare del Crocefisso opere per la maggior parte tutte in stile barocco, la statua di S. Lorenzo in legno di pregevole fattura.

La Chiesa Maria S.S. Annunziata

Chiesa maria annunziataComunemente chiamata chiesa del Convento sorge su un complesso di grotte delle quali rimane ancor oggi pur con i rimaneggiamenti e gli adattamenti subiti la grotta della Madonna del Riposo in quell'epoca centro di grande spiritualità e meta di continui pellegrinaggi. Per il grande interesse storico è stato deciso di preservarla con la costruzione  sovrastante di una chiesa e nelle immediate vicinanze di un monastero. L'attuale chiesa superiore si presenta ricca di motivi artistici e pittorici. La facciata è lineare, sobria, molto semplice. Si evidenzia il portale, composto da due alti plinti su cui poggiano due colonne a tutto tondo sormontate da due capitelli che sostengono la trabeazione con l'epigrafa latina "Deipare semper virgini". Al centro della facciata vi è un'ampia finestra sulla cui sommità è riposto lo stemma dei Filomarino munifici benefattori per la costruzione della chiesa. Ai lati del portale si aprono due nicchie contenenti due statue acefale raffiguranti probabilmente S.Agostino e S.Nicola da Tolentino.

L'interno presenta sette altari, tre a destra, uno centrale e tre a sinistra. Quello centrale,di fronte all'ingresso, è l'Altare Maggiore. Il primo altare a destra è quello del Crocefisso, centralmente a destra è situato quello dell'Immacolata, segue l'Altare di S.Maria situato di fronte a quello di S.Agostino quasi a sottolineare il rapporto materno e filiale che intercorre tra i due. Sul lato sinistro della chiesa il primo è dedicato a S.Nicola la cui statua riempie la nicchia centrale. Il secondo è l'Altare della Natività: particolari le due colonne tortili poggiano su due plinti sulla facciata dei quali ci sono due graziosi bassorilievi, quello di sinistra raffigura Gesù che fa  la comunione alla Madonna, quello di destra riproduce l'Ultima Cena. L'ultima Altare è quello dedicato a S.Agostino di cui presenta una statua imponente e maestosa. Sul capo la mitra, segno dell'episcopato, un ampio mantello piviale gli copre le spalle, sulla mano sinistra un libro e la destra in atteggiamento si scrivere, sotto il piede destro tre volumi rappresentanti gli errori teologici che egli estremamente combatte. C'è ancora da ammirare un lavabo in pietra leccese, un affresco di S.Agostino del tardo '700 e tre tele, la Madonna del Buon Consiglio, in una cornice lignea originale, la Madonna del rosario e quella raffigurante S.Vincenzo Ferrari.

La Chiesa delle Anime Sante del Purgatorio

Chiesa delle anime sante purgatorioL'attuale Chiesa delle "Anime Sante" sorge su un complesso di grotte dedicate a S.Trifone. Le grotte, probabilmente, risalgono al VI secolo D.C. ed erano inglobate nel perimetro delle mura dell'antico borgo. Su queste grotte fu costruita, nel 1200 una chiesa ed era sulla destra dell'unica porta che dava accesso al paese. La via principale era chiamata "via della Porta".Nel 1835, abbattute le mura e la porta fu ricostruita l'attuale chiesa. Sul frontone è inciso "Nella deputazione di Lorenzo De Pascalis 1835". La porta principale si apre sulla confluenza delle vie: Umberto I, Cutrofiano e Manzoni (anticamente via del Pozzo), Principe Umberto (anticamente via della Porta e Piazza della Repubblica). All'interno, unica navata, c'è l'altare molto semplice e si conservano le statue della "Madonna del Carmine", in cartapesta, "Gesù morto" e "l'Addolorata". La piccola chiesa è molto modesta ma racchiude ricordi e storia.


Il Monastero di S. Agostino

Monastero agostino2Il Monastero di S. Agostino risale alla prima metà del secolo XVII.La facciata, a parte le arcate dell'ingresso si presenta lineare e priva di elementi decorativi. Oltrepassato il portone d'ingresso si accede al chiostro, al cui centro si può ammirare la cisterna che accoglieva la acque piovane e costituiva un ricca riserva idrica. Tutt'intorno alla cisterna si snoda un porticato con quattro arcate per lato intorno al cortile quadrato. Ogni arcata poggia su quattro colonne lineari, robuste, prive di fregi e di elementi decorativi che si alzano da un basamento circolare. Il capitello è costituito da una modanatura su cui poggia direttamente l'arcata. Ogni lato è lungo 10 metri. La volta della campata è a botte. Di fronte all'ingresso una porta in legno di chiaro stile settecentesco nel cui architrave è incisa la data 1743.Da essa si accede alla sagrestia della chiesa, mentre da quella accanto a sinistra direttamente in chiesa. 

Il municipio di Sogliano entrò in possesso del convento della chiesa e delle parti adiacenti in data 1 settembre 1867. La cessione seguì di poco più di un anno la legge riguardante la soppressione delle corporazioni religiose con la quale i beni ecclesiastici furono progressivamente incamerati dallo Stato per cui gli ordini religiosi non potendo basare su rendite certe il loro sostentamento andarono sempre più diminuendo a Sogliano sino a cessare del tutto nell'anno 1962 anno in cui gli ultimi Padri  Agostiniani giunti a Sogliano nel 1671 e fautori della progressiva sostituzione del rito greco con quello latino si trasferirono a Napoli. 

Pagina creata ( Lunedì 12 Marzo 2012 )
 
Banner dell'ambito territoriale sociale di Galatina
Banner dell'area vasta di Lecce
Banner della Grecìa Salentina
Banner

Bussola della Trasparenza Report Validato XHTML 1.0 Strict CSS valido

Comune di Sogliano Cavour (LE) - Sito ufficiale
Piazza A.Diaz - 73010 Sogliano Cavour (LE)
Tel. (+39)0836.543084 - Fax (+39)0836.543092
Posta Elettronica Certificata: affarigenerali.comunesoglianoc@pec.rupar.puglia.it
C.F. 80009930753

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. I siti web del Comune di Sogliano Cavour utilizzano cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e l'uso delle applicazioni online. Proseguendo la navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi l'informativa estesa sulli'uso dei cookie dove sono specificate le modalità per configurare o disattivare i cookie. Maggiori informazioni.

Accetto i cookie da questo sito.